Rituali

Oggi riflettevo sui Rituali.

E’ domenica, la domenica prima di Pasqua. Non è una novità per chi vive lontano dalla propria famiglia: le festività sono un momento di nostalgia. Riflettevo sui rituali, quelli in famiglia, a lavoro e così via.

Scommetto che se vi chiedessi di cosa avete nostalgia la vostra risposta sarebbe legata a un particolare episodio che sempre si ripete durante  quei gironi di festività…(come per esempio la pasta fatta in casa che la nonna prepara in quella occasione, l’uscita in famiglia, un gioco da tavolo per il dopo pranzo oppure la passeggiata al mare).

Siamo legati ai rituali perché hanno un potere risanatore.

Si legge ormai in ogni dove che la gente recentemente sta adottando “nuove abitudini” per fronteggiare la situazione di quarantena a cui il Covid-19 ci sta obbligando.

Io ne ho diversi di rituali, durante la settimana o nei weekend, persino durante l’allenamento:

prendere il primo caffè della giornata in una particolare tazzina, la colazione – ricca- della domenica, l’allenamento del sabato con gli amici o la corsa al parco che ripete lo stesso giro nella stessa direzione, sempre.

Mi viene in mente il formidabile giocatore di Tennis Nadal e i suoi mille riti durante la partita prima di battere un colpo o durante i momenti di break tra un tempo e l’altro.

prendersi il controllo di qualcosa 

Il rituale è un meccanismo umano interessante nella gestione delle emozioni nell’affrontare anche momenti di ansietà o problematici.

La loro utilità non sta nella loro praticità.  Però, se permette di creare un senso di controllo allora lì risiede la loro utilità generando e donando un senso di calma.

La tecnologia sta aiutando la gente a creare nuovi rituali o adattare quelli già esistenti in questa situazione di “isolamento” fisico. Un aperitivo su zoom con gli amici il venerdì o l’ora dedicata a yoga (che prima mai avresto immaginato di fare) o semplicemente il tè del pomeriggio tra una mail di lavoro e l’altra. 

I riti ci stanno aiutando a superare questo momento, permettendoci di ristabilire il nostro senso di controllo sulle nostre vite quando percepiamo di averlo perso.

E’ un processo di regolarizzazione che sembra il nostro essere abbia bisogno, in una certa misura.

Allo stesso modo, penso a quanto siano importanti nell’ambito lavorativo e che, se non rispettati, possono causare un senso di disorientamento: il caffè con il tuo gruppo di lavoro prima della riunione settimanale con il capo oppure il pranzo mensile con i colleghi di ufficio etc. Le aziende sono sempre più esplicitamente caratterizzate da “modi di fare”, rituali, che ne determinano la loro cultura tacita.

il rituale spesso viene anche usato come forza di controllo su di noi

Quanto è importante entrare in quel gruppo di persone che prendono il caffè tutti assieme prima della riunione? E’ una forma di esclusione non esserne parte? IIo credo di si , implicitamente o a volte anche volontariamente.

I rituali quindi possono essere studianti come meccanismi di gestione personale dal potere rigenerativo e come forme di controllo esercitate sugli altri. Meriterebbe un’approfondimento…

Bene, è giunta l’ora del mio tè…

E voi che rituali stravaganti avete?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...